C'era una volta

sorge tra le vecchie mura di un vecchio palmento con cantina, risalenti agli inizi del 900… Lo stabile viene acquistato da noi nel 2006, folgorati dal fascino di queste maestose mura ricche di storia, ci siamo subito prefissi l'obiettivo di custodire tale ricchezze mantenendo vive le caratteristiche del suo tempo … non a caso il nome "C'era una volta" … inizialmente il caseggiato era composto dall'ambiente lavorativo e dall'abitazione dei vecchi proprietari.

La zona di lavoro era suddivisa in due ambienti; appena si entrava subito si accedeva “o palumientu che tinedda”  dove nel periodo della vendemmia si pigiava l'uva, andando più avanti accolti da una ripida scala che portava ad un ambiente sottomesso si aveva accesso a ripensa dove una dozzina di botti contenevano il vino, mentre l'altra parte dell'edificio era dislocato in tanti piccoli ambienti che ospitavano la famiglia.

Come accennavo prima il nostro obiettivo è stato subito quello di mantenere tali alcune caratteristiche del vecchio caseggiato, infatti abbiamo ripristinato gran parte delle mura sia interne che esterne.

Il pavimento esterno è stato ricavato da basole di pietra “ghigulinaria” che prima ricopriva i pavimenti del palmento … la realizzazione di un complesso architettonico così caratteristico e il pieno riflesso del tipo di cucina che il nostro ristorante propone … basato su un arte culinaria tipica della nostra zona; vi proponiamo piatti dai sapori caserecci con quel pizzico di novità che non va ad alterare la tradizione

 

Punto di forza

Il nostro punto di forza, che ci ha resi conosciuti ed apprezzati da una numerosa clientela locale o di passaggio, è l'accurata ricerca e selezione delle materie prime. Collaboriamo ormai da anni con aziende agricole della zona, con pescatori ed allevatori locali, che ci offrono, ogni giorno, solo il meglio che a terra ed il mare ci regalano. Tutti gli ingredienti utilizzati per le nostre pietanze, infatti, sono di una freschezza e genuinità garantite: prediligiamo, a tale scopo, materie prime stagionali.

Share by: